Tattiche di alzata

Posted by

Quando parliamo di alzatori e alzate, spesso parliamo della creatività dell’alzatore e delle sue mani. Ho scritto in precedenza che non ho mai capito cosa sifnifichi “creatività” relativamente alle alzate. E ho visto parecchi centrali con mani migliori di alzatori di massimo livello. Quindi cosa fanno davvero i grandi alzatori?

Secondo Julio Velasco, gli alzatori “devono giocare a pallavolo, non con la palla da pallavolo” [“Play volleyball, not with the volleyball”].
Per me questo significa usare la tattica per raggiungere il risultato desiderato (il punto di attacco). Le tattiche di base che gli alzatori possono utilizzare, sono:

  • Alzare allo schiacciatore migliore.
  • Alzare davanti al giocatore con muro peggiore.
  • Variare i tempi di attacco. Ovvero quando ci sono due o più attaccanti che possono attaccare sulla stessa parte di rete, con tempi leggermente differenti l’uno dall’altro e l’alzatore serve uno di questi fintando l’alzata con tattiche personali.
  • Cioè, l’attaccante di primo tempo corre da un lato in modo da far spostare il muro avversario, mentre l’alzatore serve una palla nella direzione opposta.
  • Usare trucchi di tecnica individuale (comprese finte con le mani e con il corpo).
  • Dozzine di variazioni a quanto detto sopra.
  • Ogni possibile variazione a quanto detto sopra.

Diciamo che molti alzatori eseguono le finte a modo loro, facendo, consciamente o inconsciamente, alcune di queste cose oppure optando per la prima. A volte capita di vedere alzatori che ottengono completa padronanza di una partita, grazie a queste tattiche. Per quanto mi riguarda, c’è una partita che reputo esemplare riguardo a questo argomento e che ho spesso discusso con altri allenatori portandola come un modello delle tattiche più raffinate di un alzatore, ed è la finale di  CEV Champions League in 2011-12. La partita era tra Zenit Kazan e SKRA Belchatow. L’alzatore in questione è Valerio Vermiglio, con maglia blu. Uno degli allenatori con cui ho condiviso questo video, lo ha editato aggiungendo le spiegazioni. Grazie Hugh. Penso valga la pena condividerlo.


Molte grazie a Manuela Erbì per le traduzioni.

Originali in Inglese qui.

Tutti di articoli in Italiano sono qui.


For more great coaching tips, check out the Vyacheslav Platonov coaching book here.

Cover v2

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s